Pelle sensibile: cosa fare? – La mia esperienza, tips e skin care routine

Parlare di pelle sensibile e reattiva per me é un tasto un po’ dolente: ho sempre usato prodotti economici e non é mai successo nulla; la volta che decido di usare dei cosmetici di fascia alta, eccallá: viso macchiato, secchezza estrema, prurito.

Quello che mi ha sconcertata é che non é stata nemmeno individuata la causa!

Tuttavia credo che la mia esperienza possa essere d’aiuto per qualcun’altr*: dopotutto, chi non sbircia su Google prima di andare dal dottore?

Cosa NON fare con la pelle SENSIBILE e REATTIVA

🤦‍♀️ SPALMARE QUELLO CHE CAPITA SUL VISO(vale anche per chi non ha la pelle problematica!). 

Prima di acquistare un prodotto(che sia make-up o skin-care), sarebbe piú sicuro effettuare un patch-test: si applica una piccola-ma-non-troppo quantità nella piega interna dell’avambraccio e si lascia agire per almeno 72 h.

Se non si notano rossori, non prude ecc il prodotto va bene. Se invece senti in poco tempo qualche fastidio, lava subito la zona per rimuoverne qualsiasi traccia e lascia perdere quello che volevi acquistare!

Per effettuare il patch-test puoi seguire questa guida: é molto chiara, sono sicura che non sbaglierai!

🤦‍♀️ USARE PRODOTTI A BASE DI ACIDO GLICOLICO E ESPORRE LA PELLE AL SOLE.

Fa male e macchia IRREVERSIBILMENTE LA PELLE. Non vale nemmeno mettere un SPF.

Inoltre, essendo un prodotto schiarente e esfoliante, potrebbe risultare un po’ aggressivo, soprattutto per una pelle giá sensibilizzata.

🤦‍♀️ NON USARE LA PROTEZIONE SOLARE.

Ahi, cattiva abitudine! Giá da Marzo é fondamentale applicare un SPF alto(e guai chi dice che con la protezione non ci si abbronza, é una credenza popolare!L’abbronzatura é piú graduale e SANA!).

🤦‍♀️ USARE PRODOTTI AGGRESSIVI.

Ad esempio, detergenti con tensioattivi, spazzole esfolianti o scrub.

Arriviamo quindi a…

Cosa FARE per trattare al meglio la tua pelle

ANDARE DAL DERMATOLOGO.

In questo modo, fará una diagnosi della situazione e ti consiglierá al meglio sul cosa fare. Potrebbe anche farti la richiesta del patch-test per capire a cosa sei allergic*.

Il patch-test dura circa tre/quattro giorni: il primo giorno si applicano i pads con le sostanze. Dopo qualche giorno si torna per individuare quali hanno dato riscontro e ti scrivono sulla schiena con un pennarello; il giorno seguente c’é la lettura finale.

Si consiglia di norma di eseguire il test in inverno, poiché con il sudore potrebbe staccarsi lo scotch dei cerotti. Inoltre non si potranno fare alcuni movimenti per lo stesso motivo.

EVITARE I PRODOTTI CON PARABENISILICONI,PROFUMI(anche se il patch-test non ha dato alcun risultato).

Non so cosa sia meglio, avere un’allergia o meno; nel mio caso non é stato riscontrato nulla e da allora uso prodotti senza schifezze dentro.

Nell’attesa dei risultati, mi é stata prescritta questa crema specifica che ho utilizzato specialmente in inverno perché grassa(ma ha funzionato benissimo!); la crema é “imbustata” in un involucro sterile all’interno del flacone, affinché non venga contaminata!

 LA ROCHE-POSAY TOLERIANE Ultra (40 ml)

La_Roche_Posay_Toleriane_Ultra_Fluid_40ml_1420802876_main
Toleriane Ultra Fluide 0%

Dal loro sito web:

PROPRIETÀ

Pelle ultra-sensibile o allergica.
Trattamento quotidiano ultra-lenitivo che associa Neurosensine, potente attivo lenitivo che agisce sulla reattività cutanea, e acqua termale di La Roche-Posay, naturalmente addolcente e lenitiva.
Senza conservanti, senza parabeni, senza profumo, senza alcool, senza coloranti, senza lanolina.
Texture ricca e confortevole.
Adatto anche al contorno occhi. Non comedogeno.

Elevata tollerabilità. Testato su pelle allergica – Allergie da contatto. European standard series.
Nickel tested: concentrazione di Nickel inferiore alla soglia di reazione allergica sui soggetti sensibilizzati.

 

Se mi segui su Instagram, saprai anche che ho iniziato ad usare i prodotti bio: piú conosco la mia pelle, piú sto ottenendo dei buoni risultati.

ATTENZIONE: BIO,NATURALE ECC NON SIGNIFICA ANALLERGICO. POTREBBE VENIRTI UNA REAZIONE A QUALCHE ESTRATTO CHE NON CONOSCI!

LENIRE LA PELLE E DEDICARE UNA ADEGUATA SKIN-CARE.

  • Struccaggio e detersione delicata, ma efficacie.

Prediligere gli olii e burri struccanti che vanno a nutrire la pelle. Sono due passaggi differenti: il primo serve a sciogliere il make-up, il secondo step serve a rimuovere i residui e le impuritá. Puoi trovare una recensione di un burro struccante bio qui.

  • Lenire le pelle con prodotti calmanti.

Dopo la detersione e prima di applicare una buona crema, vaporizzo come tonico l’idrolato di Camomilla. Lo tampono con un dischetto e procedo con il resto.

View this post on Instagram

Buon Sabato bellezza! . . Sebbene sia un po’ ⛅️ da me ed io sia già al terzo ☕️ della mattinata, non posso dire di non essere felicia😊 . . Oggi(oltre che aver pubblicato su YT il GRWM dove uso la #cremavisobio #algamaris, il #darkcircleconcealer di @couleurcaramelitalia e il campione BB cream like a dream), pubblico delle info su questi due fantastici prodotti base bio(adatti per l’auto-produzione e non) de @la_saponaria. . 🌱 Il cocosilicone è una specie di olio secco che sostituisce l’effetto siliconico sintetico(come quelli dei cristalli liquidi per intenderci) e deriva dai grassi del cocco. . Si asciuga velocemente e ne basta davvero poco per le lunghezze: effetto wow con un prodotto naturale e biodegradabile ♻️ 🌱! . . 🌱 L’idrolato di camomilla è molto lenitivo. Si può usare al posto dell’acqua per diluire lo shampoo o messo in uno spruzzino come tonico “sfiammante”:pre crema viso/post detersione. . . Conoscevi questi “materiali”? Ce ne sono tantissimi, personalmente non vedo l’ora di provare l’acido ialuronico!!

A post shared by Gio Notabuono (@datewithaunicorn) on

A volte aggiungo una spruzzata di acqua termale per decongestionare gli occhi. 

Quest’ultima mi piace un sacco per ottenere una buona performance dal mio makeup(per fissarlo o per inumidire la blender).

Avéne Acqua Termale

acqua termale aven
Acqua termale spray Avène

 

USARE ACCESSORI ADEGUATI.

Se vuoi esfoliare la pelle in modo delicato puoi usare la spazzola per il viso.

No, non quella rotante in setole. Personalmente ho una di quelle della BRAUN(era nella confezione regalo con il silk’è’pil), ma se non ci sto attenta, gratta tantissimo la pelle e divento viola.

Ho deciso di investire su un Luna fofo della Foreo: é in silicone morbido antibatterico e collegandolo all’app dal tuo smartphone, farai l’analisi della pelle e la tua pulizia del viso personalizzata.

Se sei interessat*, seguimi su Instagram: ho intenzione di fare un video e un blog-post dettagliato!

(ULTIMO MA NON PER IMPORTANZA) USARE UN SPF ALTO

Utilizzare sempre un fattore di protezione quando si esce di casa.

Se vuoi alternare, puoi usare una crema a tuo piacere la sera e la mattina seguente usare la crema solare.

Quest’anno personalmente, ho scelto Alga Maris: é bio, senza profumo e formulato per pelli intolleranti. I filtri solari UVA/UVB sono minerali e viene utilizzata l’Alga Gorria come principio antiossidante. É idratante(all’interno c’é anche l’acqua maris) e vegan(confermatomi dalla bio-profumeria, l’acido stearico é di origine vegetale).

Ne ho parlato anche nel GRWM!

 

Tu quanto tempo dedichi alla tua pelle? Raccontami la tua skin-care routine(e non barare, dimmi se salti qualche passaggio!😂💕)!

A presto, Gio Notabuono • #datewithaunicorn

 

 

 

 

 

 

Annunci

Come curare i capelli per farli crescere sani

Buon Venerdì ❤❤❤

Come avrai intuito, oggi voglio parlarti di una causa che mi sta molto a cuore(e a quello di tante altre ragazze): FAR CRESCERE I CAPELLI IN MODO SANO(e anche lunghi, please!).

Qual’è il segreto?

Ahimè, come tutte le cose, ci vuole costanza, volontà di cambiare e migliorare le abitudini, ma soprattutto una guida “sicura” che possa correggere il tiro.

No, non sto parlando di un aiuto proveniente dall’alto con tanto di illuminazione divina e canti angelici!

Girellando sul feed di Instagram, mi sono trovata a leggere i commenti sotto la foto dei bellissimi capelli di Cami Hawke: ed eccolo lì, il segno!

Una ragazza parlava di un progetto o meglio, un gruppo Facebook,il quale ha come obiettivo la cura dei capelli in modo naturale(bio, uso di maschere home-made e non,erbette ayuverdiche e tanto altro!): e come si chiamerà, secondo te?😁

Il Progetto Rapunzel ti suggerisce di disintossicare i capelli dai siliconi e dai prodotti non bio, di non usare piastre, tinture e trattamenti chimici e finalmente di curarli come davvero meritano.

A chi è abituat* ad usare tutto questo può inizialmente risultare molto impegnativo, ma basta guardare le tante foto delle Rapunzelle del gruppo per pensare subito che sia giunto il momento di cambiare rotta!

View this post on Instagram

🌺❤Prima&Dopo Serie #fuorilevostrechiome Link per partecipare: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1615670555151936&set=gm.1583782738310667&type=3&theater Grazie infinite alla nostra @Jess.apeiron che ci segue da ben 4 anni, quando i suoi capelli erano molto più secchi, crespi e rovinati da tinte chimiche per ottenere il rosso, inseguito, per riuscire ad eliminare la parte irrimediabilmente danneggiata ha dovuto tagliare molto! La sua Routine attuale consiste nel coccolare la sua chioma 2/3 volte a settimana (con programma Capillare personalizzato seguendo le esigenze dei propri capelli). 🌺❤ Grazie Infinite per la collaborazione CONTINUA COSÌ 💪🏻🌺❤ E voi?? Siete curiosi di sapere come ha fatto e quali rimedi ha utilizzato per raggiungere questo obiettivo? Seguiteci su: 🌺 blog https://progetto-rapunzel-italiano.blogspot.it/ 🌺 Gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/1325262177496059/ 🌺 Pagina Facebook https://www.facebook.com/progettorapunzelitalia/ 🌺 YouTube https://m.youtube.com/c/ProgettoRapunzel 🌺google+ https://plus.google.com/u/0/+ProgettoRapunzel #haircare#routine#natural#progettorapunzel#capelli#sani#forti#fuorilevostrechiome #capellicastani#followus#love#lovebio#hair#haircolor#beautiful#progettorapunzel3 #cronoprogrammacapillare #ecobio#homemade#progettorapunzelgrazie

A post shared by Progetto Rapunzel (@progettorapunzel3) on

Quali sono i primi passi da compiere?

  1. Seguire un CC(Cronogramma capillare): è un calendario basato su quanti lavaggi alla settimana fai(max 3, se sei abituat* a farne di più, vi sono i lavaggi alternativi) e allo stato dei capelli;
  2. Utilizzare esclusivamente prodotti certificati BIO, senza siliconi, parabeni e quant’altro!;
  3. Eseguire sempre gli step shampoo-maschera-balsamo-leave in;
  4. DILUIRE SEMPRE LO SHAMPOO(10 ml in 100 ml di acqua!);
  5. Abolire piastre, trattamenti chimici e fonti di calore eccessivi(il fohn va usato tiepido e alternandolo con aria fredda!);
  6. Usare spazzole e accessori che non strappino,spezzino in alcun modo il capello(questo vale anche per il fohn!);
  7. Prediligere un turbante in microfibra(o una maglietta di cotone) rispetto all’asciugamano classico;
  8. Iscriverti al gruppo, per avere il sostegno e i consigli di tutte quante❤(leggi assolutamente il regolamento!!!!);
  9. Non demordere se non vedi subito dei risultati: io ci ho messo due mesi per togliere l’effetto “stoppa” dai capelli, a causa di un sostegno. La strada è ancora lunga, ma sono orgogliosa di come sono adesso! 😍;
  10. Non pensare che usare il bio equivalga a dilapidare un patrimonio: sicuramente se ti appassiona un po’ ci spendi(come tutte le cose!), ma trovi valide alternative al supermercato. Inoltre, grazie alle Rapunzelle puoi usufruire degli sconti vari sui siti o nelle bio-profumerie convenzionate!

Non appena troverò le foto(sparse nel mio Iphone)del prima e del dopo, sarò felice di condividerle con te!

Come sempre, se avessi bisogno di chiarimenti, non esitare a contattarmi sui social o commentando sotto il post!

Ti auguro Buon Natale e serene festività!

Un grosso abbraccio, Gio Notabuono • #datewithaunicorn

Torta di Zucca VEGAN

Buon Mercoledì!

In #focusonDWAU di Ottobre 2018, mi è stata chiesta la ricetta di un dolce cioccolatoso che contenesse un frutto di stagione: le castagne.

Purtroppo ho dovuto rimandare(ma non preoccuparti, la pubblicherò il prima possibile!!) perché volevo trovare anche la variante vegana(è giusto che questa delizia venga assaporata da tutti!Quindi farò la doppia versione 😉).

Ti anticipo che è davvero una torta bomba! 😁

Oggi ti voglio parlare di una delle ricette dolci che ho rivisitato dopo tanti anni in chiave vegan: la torta di zucca ❤

Ho iniziato questa tradizione da diversi anni e di questi periodi non esiste che io non la faccia 😊


Quello che ti serve per una torta da 26 cm è:

  • pasta frolla vegan(io preferisco farla in casa secondo questa ricetta, mi raccomando serve l’impasto anche per il coperchio!);

Per il ripieno:

  • 600 gr di zucca mantovana pulita e tagliata a fette;
  • Cannella , noce moscata e zenzero q.b;
  • 180 ml di panna di soia(quella da cucina!);
  • 70 gr di zucchero di canna;

  1. Prepara la pasta frolla e lascia riposare in frigo avvolta in pellicola per 30 minuti;
  2. Cuoci la zucca avvolta in carta alluminio in forno pre-riscaldato a 200° per 45 minuti(in alternativa puoi lessarla, ma scolala bene!);
  3. In una terrina, schiaccia bene con una forchetta la zucca ammorbidita, unisci zucchero, panna e spezie; lascia addensare 15 minuti mescolando dolcemente;
  4. Stendi la pasta frolla in uno stampo da 26 cm, bucherellare il fondo, mettere la crema e chiudere il coperchio con i rebbi di una forchetta(bucherellare anche il coperchio); Puoi anche fare con il bordo di un bicchiere, dei dischetti di diverse dimensioni e porle sopra come in foto ;)!
  5. Cuocere a 200° per i primi 20 minuti e a 180° per altri 30( per non farla colorire troppo, mettere un foglio di alluminio sopra );
Torta di Zucca Vegan
Torta di Zucca Vegan

Tips:

  • il procedimento di assemblaggio, è uguale a quello dell’apple pie 😁

Spero di essere stata chiara, ma se avessi bisogno di qualche chiarimento, scrivimi 😁

A presto, Gio Notabuono • #datewithaunicorn

Apple pie VEGAN

Bentornat* !!

Sono felice di averti nuovamente qui, in occasione del secondo appuntamento del mese😍

Ho pensato molto a quale ricetta favolosa della mia raccolta donarti e visto che il mese di Settembre mi ricorda le mele(non chiedermi per quale strano motivo 🤣) ho trovato giusto passare da testimone, la mia SUPER golosa-ma-facile da realizzare ricetta dell’apple pie americana(in chiave VEGAN).
Il bello di questa torta alle mele(appunto apple pie in inglese) è che è versatilissima: si può usare una frolla normale se lo si preferisce, se si ha poco tempo possiamo mettere la farcia in un rotolo di pasta sfoglia(che trovi soprattutto al supermercato realizzata con margarina..quindi vegan!!!! 😁) o appunto usare l’impasto che ti fornisco in questa ricetta.

E’ una ricetta senza burro e senza uova(è vegana giusto?!) quindi adatta a tutti!


Ingredienti per una torta da 26 cm

Per la pasta frolla VEGAN:

  •  302 gr di farina;
  •  90 gr di zucchero di canna;
  •  11 gr di polvere lievitante vanigliata;
  •  60 gr di olio di mais;
  •  16 gr di olio di oliva;
  •  1/2 fiala di aroma al limone( o scorza di limone grattugiata);
  •  q.b di acqua fredda;

Per la farcia:

  • 3 mele medio-grandi;
  •  120 gr di zucchero bianco;
  •  2 cucchiai di farina;
  •  1/2 cucchiaio di cannella;
  •  un pizzico di noce moscata;

  1. Preparare la frolla: metti in una ciotola capiente tutti gli ingredienti secchi per poi aggiungere i liquidi. L’acqua mettila per ultima: va dosata bene, versandola poco a poco fino a che l’impasto lavorato risulti liscio, malleabile e non appiccicoso. Avvolgerlo in una pellicola e lasciar riposare in frigo;
  2. Preparare la farcia: la ricetta prevede di sbucciare le mele ma se si preferisce, si può lavare bene il frutto, togliere il torsolo e tagliare direttamente a fettine di circa 3 mm. Lasciarle in posa in una ciotola con tutti gli altri ingredienti fino a quando non vedrai formarsi abbastanza salsina densa(ovviamente devono risultare “infarinate” del composto, quindi girale bene con un cucchiaio);
  3. Assemblare la torta: preriscalda il forno a 200° per 5 minuti. Stendere su carta da forno il primo disco di pasta(fallo più grande possibile per i bordi!) appoggiare la tortiera a faccia-in-giù e con un movimento veloce e deciso girare entrambe. Non sarà subito perfetto, quindi inserire meglio il disco all’interno facendo attenzione che i bordi rimangano su. Taglia la pasta in eccesso lasciando qualche centimetro per quest’ultimi. Bucherella con i rebbi di una forchetta il fondo.
  4. Disporre la farcia su tutta la superficie, mettere qualche fetta di mela in più al centro per creare una “montagnetta”. Rifare il procedimento precedente per il coperchio. Fai in modo che i bordi siano sigillati il più possibile. Se avanza della pasta, creare un cordone di rifinitura da posizionare sulla circonferenza, premendolo per chiudere bene ulteriormente la farcia(vedi foto). Fare dei piccoli tagli creando un asterisco(senza passare dal centro) e cospargere la superficie con lo zucchero;
  5. Infornare a 200° per i primi 30′ e a 170° per i restanti 20′.

 

 

Apple Pie Vegan
Apple Pie VEGAN

 


Note:

  •  la ricetta per la frolla vegan da cui ho preso ispirazione, si trova a questo link; le mie dosi sono sfalsate perché mi piace andare un po’ secondo il bisogno o regolarmi in base a quanto prodotto mi cade nella ciotola 😉 ma ti assicuro che è venuta speciale :-D;
  •  ho usato due zuccheri diversi poiché non ne avevo molto a disposizione; lo zucchero bianco però lo consiglio tanto in quanto si scioglie meglio nel succo prodotto;
  •  le mele da usare di regola sono le Golden; stavolta ho usato le Gala e sono comunque ottime! Se sono grandi, consiglio di usarne 2 se medie almeno 3;
  •  l’impasto della frolla deve risultare liscia ed elastica(ti deve ricordare l’impasto della pizza). Tempo di riposo: mezz’ora in frigo;
  •  il mio è un fornetto ventilato, quindi la cottura varia(aggiungere 20° in più per quello statico);
  • per comodità consiglio la torta a cerniera!

Top Agosto 2018: i prodotti WOW che hanno salvato la mia estate!

Benvenut* al primo appuntamento di Settembre con i prodotti top che hanno salvato LET-TE-RAL-MEN-TE la mia estate mooolto calda e movimentata!
Vediamoli qui sotto 😉


Hair food Banana Garnier – Amazon.it

Ho avuto modo di provarlo grazie ad un campioncino(che è durato anche un sacco!!!!!)su una rivista.

Ci sono quattro “gusti” per quattro diverse esigenze:

  1.  Macadamia – LISCIANTE;
  2. Papaya – RIPARATRICE;
  3. Bacche goji – COLORE BRILLANTE ;
  4. Banana – NUTRIENTE;

Personalmente ho provato e deciso di acquistare quello alla banana.

Questo prodotto è stata come la manna dal cielo!

Vegano, al 98% NATURALE
→ Si usa in tre modi: come balsamo, come maschera e come trattamento SENZA RISCIACQUO(che non appesantisce i miei capelli fini <3! E’ davvero una bomba!)
→ Costa solo 6,99€ ed è un barattolone da 390 ml!


ks0200801000033terziario_390wx390h
Shine Refine PAPERS- KIKO

Non ho mai sudato così tanto, soprattutto in viso, come questa estate!
Se mi conosci e mi segui già dal vecchio blog, sai che ho un tipo di pelle mista, tendente al secco.. ma come dicevo prima, non mi è mai successo in tutti questi anni che si lucidasse e ungesse(mischiandosi ai residui di crema) in questo modo!

Queste veline opacizzanti le ritengo molto valide; assorbono il sebo asciugando la pelle e incipriandola allo stesso tempo: perfette per chi odia l’effetto lucido e appiccicoso(soprattutto se lavori al pubblico), per ritoccare il make-up o tornare “fresca come una rosa”e non sembrare stravolta 😉

Il pacchetto è da 100 pz e l’ho acquistato con il 30% di sconto durante i saldi.


2IN1GEL KAJAL&EYELINER WATERPROOF
2in1 Gel Kajal&Eyeliner WATERPROOF Deborah MILANO – Amazon.it

Ho fatto una ricerca online e SANTA CLIO in questo post ha recensito le migliori matite waterproof in circolazione(ma come faremmo senza di lei?!!).

Sfortunatamente la matita kajal gel essence nonsi trova più e ho optato per la 2inuno della Deborah! 

Il costo è di € 9,90 circa, ma la fortuna ha voluto che:

  1. trovassi le ultime due matite in edizione limitata, (che purtroppo la gente aveva provato su mano) E NON ERANO MAI STATE APPUNTATE;
  2. possedessi un buono da € 7,50 di Marionnaud;

Così ne ho portate a casa due a € 3 e spicci!

La matita è in colata di plastica che si può appuntare, mina morbida(appunto effetto gel),scrivente, nero intenso e che soprattutto DURA A LUNGO!

 


GEL FREDDO NATURAL BENEX ERBORISTERIA MAGENTINA
Gel freddo Natural BENEX gambe leggere Erboristeria Magentina- Amazon.it

Ho trovato(ogni tanto una gioia anche a me!! ;D) questo campione formato 75 ml nella rivista STARBENE.

NATURAL BENEX dell’erboristeria Magentina è un gel freddo con ippocastano, centella, ginko, aloe e menta piperita(100% VEGAN <3): solitamente uso la crema-gel di Bottega Verde al mirtillo, ma le mie gambe confermano che questa è al pari, se non al TOP!! Oltre a rinfrescare e donare sollievo, puoi sentire che RIATTIVA veramente la circolazione(una sottospecie di formicolio!), portando tutti i benefici delle gambe leggere!

Ha evitato notti a rischio insonnia, quindi super approvato!! 😉


DEODORANTE ALOE BOTTEGA VERDE
Deodorante Bottega Verde Aloe

 

Acquistato in offerta a € 3,99(sai quanto adoro il marchio Bottega Verde?Se ti interessa recensisco altri prodotti!).
L’ho trovato fresco, profumato ma non da capogiro e dura davvero tanto! Credo che rientrerà nel mio beauty al 100%

Il flacone da 125 ml è spray no-gas!


Tu hai dei prodotti che hanno LET-TE-RAL-MEN-TE salvato la tua estate?

Se sì, fammi sapere(magari possono aiutarmi l’anno prossimo! 😉 )

A presto, Gio Notabuono · #datewithaunicorn